venerdì, Settembre 30

Iniziative pubbliche

Un vespasiano in onore di Jorginho

E’ stato uno dei protagonisti assoluti della vittoria della nazionale italiana negli ultimi campionati europei. La sua freddezza nel calciare i rigori poi era diventata quasi proverbiale considerando la caratteristica del saltello che regolarmente precedeva il tiro dagli undici metri. Nella finalissima di Wembley pero’ la prima pecca con l’errore nella lotteria contro l’Inghilterra, Ma la situazione venne raddrizzata poi nel finale e l’Italia riusci’ a conquistare il titolo.
Ma nella fase di qualificazione ai mondiali c’e’ stato il tracollo con due altri rigori falliti, entrambi nelle partite decisive con la Svizzera che sono costati alla nazionale la non partecipazione ai prossimi campionati del Qatar. Quindi, il centrocampista del Chelsea, naturalizzato italiano, ma di origine brasiliana, e’ passato dalle stelle alle stalle. Per lui solo un anno fa si era parlato addirittura di ‘Pallone d’oro’ ora invece la sua immagine e’ caduta nell’oblio e il ragazzo dovra’ cercare di ritrovare una sorta di autostima per ritornare ai livelli che lo vogliono comunque sia andata un centrocampista di grande valore. Ma intanto c’e’ chi in questi mesi aveva cercato di onorare il giocatore dedicandogli anche un monumento. Tra tutti coloro che avevano pensato di celebrare Jorginho, dopo il successo europeo, anche il sindaco di Castelbuzzo di sotto, nel Molise: Pasquale Carrozzieri che aveva iniziato a raccogliere tra i suoi concittadini una petizione di firme per erigere al centro della piazza del paese un monumento raffigurante proprio Jorginho nel momento di calciare un rigore.
Con gli ultimi eventi pero’ le cose sono cambiate e alcuni consiglieri comunali si sono opposti all’iniziativa. Morale? A Jorginho sara’ dedicato solo un vespasiano in una zona ancora da definire. “Sempre meglio che niente”, ha detto il sindaco rammaricato per come sono andate a concludersi le sue aspettative, ma pero’: “Sara’ un vespasiano bellissimo, innovativo e di ultima generazione”. (Geppo)

Il vespasiano